Facebook vs Giornali

Facebook VS Giornali

Una recente ricerca che si basa sulla modalità di ottenere informazioni da parte dei lettori di tutto il mondo, ha avuto dei risultati più che sorprendenti perché sembrerebbe che gli appassionati di notizie di tutto il mondo, non scelgano più i telegiornali e le testate giornalistiche per ottenerle, al contrario si tratta di una vera e propria rivoluzione che anche in questo caso, ha come diretto interessato il grande mondo dei social network, con google in decrescita, strano a dirsi potreste pensare, invece a molti sembra una diretta normale conseguenza di ciò che sta accadendo nel mondo, e dell’enorme impatto che l’utilizzo dei social sta avendo sulle nostre vite.

Il risultato di questo cambiamento intenso, sta provocando però la diminuzione della pubblicazione dei giornali, che molte persone non leggono più, a si rifanno a quelli online tramite internet o le app, anche se in percentuale, il giornale ha ancora per qualcuno un importanza e un fascino, davvero essenziali. Questo ha anche provocato una diminuzione del lavoro da giornalista, diminuito drasticamente nel giro di soli 15 anni, ma non solo anche il tempo che si dedica alla lettura dei giornali sembra essere diminuito in maniera davvero significativa. Quindi a pagarne le conseguenze, i giornali, e a giovare la rete virtuale, l’informazione del web e dei conseguenti social network, che come Facebook, hanno deciso di collaborare con le grandi testate come il New York Times, pubblicizzando le notizie, dividendo gli incassi pubblicitari.

Google ha fatto la stessa cosa, promuovendo un progetto per la condivisione delle notizie, e tutto questo grande cambiamento, sta andando ad incidere sul modo in cui noi lettori cerchiamo le notizie e dove, perché dietro tutta la condivisione esiste un reale rischio di totale monopolio della pubblicità online, che sta conquistando il mondo delle notizie. I giornali si sono perfettamente resi conto della potenza dei social, e determinati a non soccombere hanno deciso di collaborare, come si dice, meglio tenersi il nemico vicino, diciamo. Molte persone quindi si rifanno ai media dei social per le notizie, ma quante persone? Oggi si parla di miliardi di utenti che utilizzano i social network, per comunicare e per conoscere, e leggono le notizie tramite i social, che ti permettono anche di divulgarle velocemente a parenti e amici del profilo.

I social dell’attenzione

Ciò che sta succedendo, ha quindi portato al cambiamento molto veloce del modo di assorbire le informazioni e considerando la velocissima evoluzione dei social, i giornali hanno le loro ragioni per avere preso la decisione di poter condividere le notizie.

Forse è il caso in cui, vecchie affascinanti tradizioni stanno cercando di ridimensionarsi verso la creazione di una nuova era dell’informazione giornalistica, nel quale uno a caso, Facebook sta avendo un enorme impatto, perché in effetti le news sono una sua parte fondamentale, integrante, l’elemento che ha certamente contribuito alla sua grandissima espansione nel mondo, quindi speriamo davvero che non tutto il male venga per nuocere, abbiamo fiducia nelle decisioni prese dal New York Times e altri grandi nome giornalistici, fiduciosi che continueranno sempre ad esistere.